Siti Internet e Social Influencer

Ad oggi molte persone si identificano come influencer, ma possono essere considerate davvero come tali? Chi sono e cosa fanno per l’appunto queste figure “importanti”, denominate personaggi famosi? Come possono essere utilizzate per pubblicizzare delle attività sul web, al di là dell' avere un buon sito internet? Scopriamolo insieme entrando nel dettaglio del tema.

Web marketing Torino: chi è un influencer

Negli ultimi anni, nel mondo del web marketing a Torino, si è notevolmente diffusa sempre più la parola influencer, utilizzata per indicare esattamente chi influenza e condiziona scelte altrui. Un influencer, in linea generale, viene definito come una persona che presenta una grandissima quantità (migliaia o addirittura milioni) di sostenitori e seguaci raggruppati in diversi social network; di solito possiede un suo blog dove scrive delle notizie e/o realizza dei video che poi condivide e pubblica e ottiene numerose visualizzazioni da parte dei suoi seguaci. Può essere considerato uno YouTuber, un blogger, un instagrammer o una web star.

Ma come facciamo a capire se stiamo davvero guardando il profilo di un “vero” influencer? Nella nuova Video Academy di Matteo Pogliani dal titolo “Influencer Marketing: crea relazioni, costruisci credibilità”, MailUp ha fornito qualche indicazione. Se sono quattro i componenti fondamentali ed essenziali capaci di originare influenza (autorevolezza, conoscenza, posizione e relazioni), “la somma di conoscenza + autorevolezza + posizione + capacità relazionali – ci ricorda Maria Giulia Ganassini dal blog di MailUp – dà vita al cocktail che genera fiducia, credibilità e quindi peso nell’influenzare la decisione di acquisto”.

Influencer: come scegliere quello adatto ai propri siti internet

La Content & Community Manager di MailUp ha spiegato che il contesto più importante in cui la figura dell’influencer si sviluppa è “quello dominato da internet e, più nello specifico, dai social media, in cui l’utente prende sempre più nelle proprie mani il processo di ricerca e comparazione precedente all’acquisto (l’ormai consolidato zero moment of truth, o ZMOT, teorizzato da Google qualche anno fa)”. “In questo contesto, l’influencer diventa il medium credibile e super partes (proprio perché esterno all’azienda) che si fa garante della bontà del prodotto o del servizio”.

Matteo Pogliani ha identificato nel suo libro “Influencer Marketing. Valorizza le relazioni e dai voce al tuo brand” quattro tipologie di influencer:

- esperto, colui che è fornito di competenza e abilità su determinati argomenti e settori

- consumatore, colui che è costantemente aggiornato e preparato, che da impressioni ed opinioni su servizi e prodotti di vario genere

- vip, figura più tradizionale e più in mostra delle altre

- guru, soggetto che grazie alla sue capacità è in grado di accrescere notevolmente il calibro del proprio pubblico.

Per scegliere l’influencer perfetto, oggi si fa riferimento a criteri analitici e non più personali; in un’intervista rilasciata al quotidiano la Repubblica, Paola Nannelli di Blogmeter dichiara che “non si tiene conto, per esempio, soltanto dei follower acquisiti ma della capacità di coinvolgere i propri (engagement) con commenti e like, delle performance nel guadagnare nuovi follower in un determinato periodo, di quanti utenti unici interagiscono davvero sui loro profili social e anche dalla qualità e quantità di post prodotti”.

Inserisci il Nome
Scrivi il tuo numero di telefono
Inserisci un'email corretta L'email non è valida
Scrivi un messaggio

Chi sono

Il mio nome è Gabriele Pantaleo e ho oltre 10 anni di esperienza in Realizzazione Siti Web, SEO, Grafica Pubblicitaria e Social Media Marketing. Ti guiderò passo per passo nella digitalizzazione del tuo business. Richiedi un Preventivo Gratuito.

PNT Solutions di Gabriele Pantaleo -

P.I. 11773200016 PNTGRL91B15G273M

Seguimi su Facebook